Notizie e pubblicazioni

Pubblicato il Set 10, 2019

di Nicola Carlisi

LA MERAVIGLIOSA SPERANZA DEL VERO CREDENTE 

la meravigliosa speranza 1Noi Gentili, oggi credenti,  prima di divenire figli di Dio, eravamo senza Cristo, estranei dei patti della promessa di Dio, non avendo  speranza, e senza Dio nel mondo. Ma ora in Cristo noi che eravamo lontani siamo stati avvicinati per il sangue di Cristo (Ef. 2:11,14) e fatti partecipi della promessa dello Spirito Santo, ed essendo Cristo in noi, abbiamo la speranza della gloria (Col. 1:27), cioè, riceveremo un corpo immortale, glorioso, simile al corpo del nostro Signore Gesù.   

Il vero credente è chiamato ad essere conforme all’immagine del suo Figliuolo Gesù. (Rom. 8:29: 1 Cor. 15:49). 

L’apostolo Paolo scrisse queste parole agli Efesini e a tutti i credenti di ogni generazione. «Ed illumini gli occhi della mentela meravigliosa speranza 2 vostra, acciocché sappiate quale è la speranza della sua vocazione, e quali son le ricchezze della gloria della sua eredità, nei luoghi santi. E quale è inverso noi che crediamo, l’eccellente grandezza della sua potenza; secondo la virtù della forza della sua possanza. La quale egli ha adoperata in Cristo, avendolo suscitato dai morti,…» (Ef. 1:18,20). Questa potenza di Dio sarà usata inverso noi, e risusciteremo, come è stato risuscitato  il Signor Gesù.  

Perciò, fratelli e sorelle amati dal Signore Gesù, e da me suo servo; perseveriamo con pazienza, affinché possiamo realizzare la nostra speranza. Dobbiamo essere sommamente riconoscenti verso il Padre Nostro, che non siamo  «come  gli  altri  che non  hanno  speranza»  (1 Tess. 4:13). Noi essendo giustificati per la grazia di Gesù, siamo fatti eredi, secondo speranza della vita eterna ( Tito. 3:7 ); e la vita eterna si ha, se abbiamo Gesù nella nostra vita, unito al nostro spirito (Giov. 17:3; 1 Cor.6:17; 1Giov. 5:12).                          

la meravigliosa speranza 3Pertanto, dobbiamo essere fermi!  Decisi!   Nel  ritenere  la   confessione  della  nostra  speranza, ,perciocché fedele è colui che ha fatte le promesse ( Ebrei 10:23 ). «Tutti i veri credenti siamo stati chiamati ad un’unica speranza » ( Efesi 4:4 ). Perciò fratelli e sorelle, dobbiamo essere allegri in questa meravigliosa promessa (Rom.12:12), nessuna cosa deve mai farci dubitare, essendo il nostro Signore Gesù Cristo, la nostra speranza; “poiché noi siamo stati fatti partecipi di Cristo, se pur riteniamo fermo infino al fine il principio della nostra sussistenza” (Ebrei 3:14; 3:6). 

Perciò, “viviamo nel presente secolo temperatamente, e giustamente, e piamente; aspettando la beata SPERANZA, e l’apparizione della gloria del grande Iddio, e Salvatore nostro, Gesù Cristo”.(Tito 2:13,14; 2 Tess. 2:14). San Giovanni dà una saggia esortazione scrivendo: “E chiunque ha questa SPERANZA in lui si purifica, com’esso è puro” (1 Giov. 3:3) Or queste tre cose durano al presente: « Fede SPERANZA Carità;… » ( 1 Cor. 13:13 ). 

Pastore: Carlisi Nicola

Pubblicato il Set 10, 2019

La dottrina biblica in breve

in cosa crediamo 1Le "dottrine bibliche" sono gli insegnamenti essenziali che si apprendono da una semplice e attenta lettura della Bibbia. Esse costituiscono quei principi su cui sono fondate la fede e la condotta cristiana. A questo semplice fine, più che l'interpretazione", occorre realizzare la meditazione e l'accettazione delle Sacre Scritture, in quanto esse, almeno nelle loro linee essenziali, si spiegano da sé, in particolar modo perché lo Spirito Santo aiuta, quando c’è il sincero desiderio di conoscere la verità.

1. LE SACRE SCRITTURE

Dio si manifesta e si rivela come Creatore dell'intero universo e in particolare del nostro mondo con le sue meraviglie (Gn 1; Sal 19) (rivelazione generale). L'uomo, da ciò e con la sua logica intuisce in qualche modo un Dio (At 14:15-17; 17:22-29; Rm.1:20), però l’intuizione è insufficiente per conoscerlo e sapere cosa Egli vuole per noi e da noi. Ecco allora che Dio stesso ha provveduto una rivelazione speciale, le Sacre Scritture, Antico e Nuovo Testamento, 66 libri dati mediante circa 40 scrittori ispirati dallo Spirito Santo. Nell'Antico Testamento (39 libri) leggiamo la storia della creazione, dei primi credenti, della "legge" di Dio data al popolo d'Israele, delle varie vicende di questa nazione, dei suoi condottieri, dei suoi re e dei suoi profeti. Vi si possono leggere anche le centinaia di profezie che indicano il piano predisposto da Dio per la salvezza di chiunque accetta e realizza il Suo Figliolo. Nel Nuovo Testamento (27 libri), nella storia e nell'opera di Cristo, esposta nei 4 Vangeli, costatiamo l'adempimento di quelle promesse profetiche. Gli Atti degli apostoli riportano la storia iniziale della Chiesa cristiana, con le varie esperienze dei suoi primi protagonisti. Le 21 epistole (13 di Paolo e 8 di altri apostoli) riportano i messaggi degli apostoli alle prime comunità e ad alcuni collaboratori, con la dottrina e gl'insegnamenti pratici della fede cristiana. L'Apocalisse, il libro conclusivo della Bibbia, prospetta infine gli eventi futuri del piano divino. Le Sacre Scritture sono così la Parola di Dio che noi dobbiamo conoscere e realizzare.
 
2. DIO

Le “deduzioni logiche”, che dimostrerebbero l'esistenza di Dio, risultano insufficienti, come abbiamo già accennato, a farceLo realizzare come Dio vivente. Egli dunque "si autorivela", si manifesta nella storia e nelle vicende umane, dandocene un resoconto sufficiente nelle Scritture e facendosi conoscere come:

CREATORE (Gn 1,2; Sal 33: 6,9; Eb 11: 3)
SALVATORE (Es 3:7,8; Is 45:15,21,22; Os 13:4)
LEGISLATORE (Dt 4: 5-8; Is 33: 22)
PADRE (Is 63: 16; Ger 31: 9)
FONTE D’OGNI BENE (Pr 19: 21; Is 48: 16,17; Ef 1:3).in cosa crediamo 2

Dio, inoltre, è trino. Cioè è accennato nell’Antico Testamento (Gn 1:1,26; Nm 6:24-26; Is 6:3,8), ma poi è chiaramente rivelato nel Nuovo Testamento (Mt 3:16,17; 28:19; 2Cor 13:13; Gl 4:4-6; Ef 2:18; 1Pt 1:1,2). Dio è uno e trino, il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Dio, infine, è eterno (Sl 90:1,2); è sovrano (Dn 4:35); è onnipotente (Mt 19:26); è onnisciente (Eb 4:13); è santo (Ap 4:8); è immutabile (Ml 3:6); è spirito  (Gv4:23,24); è amore (1Gv 4:8,16).
 
3. GLI ANGELI

Sono degli esseri molto intelligenti, superiori all’uomo, creati da Dio prima del mondo (Neh 9:6; Gb 38:4-7). Sono degli esseri spirituali, personali, numerosissimi, santi... che adorano Dio (Ap 5: 11-13), servono i credenti (Eb 1:14), li proteggono e li liberano (Sal 91:11,12). Ci sono anche degli angeli ribelli, i demoni, al servizio di satana, che, motivato dall’orgoglio (Is 14:12- 15; Ez 28:12-19) e, con il loro aiuto, s’oppone a Dio e ai Suoi piani, accecando le menti degli uomini, fomentando il peccato, tentando, accusando i credenti… ma presto, assieme al loro capo, sarannocondannati per sempre (Mt 25:41; Ap 20:7-10). Cristo, però, li ha già vinti (Eb 2:14; 1Gv 3:8) e cosìpure i veri credenti (1Gv 2:13).
 
4. L'UOMO

E’ la creatura speciale di Dio, fatta a Sua immagine e somiglianza, con il dominio sul creato (Gn 1:26-31). L’uomo è anch’egli un essere trino (Gn 2:7; 1Ts 5:23), composto di corpo, che lo tiene in contatto con il mondo esterno attraverso i cinque sensi; di anima, sede della coscienza di sé, degli affetti, degli istinti e delle emozioni (Sal 42:5,6,11); di spirito, in cui risiede l’intelligenza (Gb 32:8), la coscienza (Pr 20:27) e la comunione con Dio (Gv 4:23,24). Quando c’è una reale conversione all’Evangelo, lo spirito è rigenerato (Ez 36:24-27), l’anima è salvata (Gc 1: 21) e il corpo diventa il tempio di Dio (1Cor 6:19,20). Dell’uomo ciò che muore è il corpo, che poi risusciterà, mentre lo spirito e l’anima sono immortali. In merito, evidentemente, ci sarà una differenza eterna tra coloro che sono salvati e i perduti.
 
5. GESU' CRISTO

E’ il Figlio di Dio, la seconda Persona della Trinità. Promesso nelle oltre trecento profezie dell’Antico Testamento, secondo i quattro Vangeli e in tutto il Nuovo Testamento, è stato manifestato in mezzo agli uomini. Egli è la Parola eterna (Gv 1:1-5); è Dio in carne (Gv 1:14); è il Figlio di Dio (Mt 3:17); è il Signore (Fil 2:9-11). Egli è perfettamente uomo (Mt 1: 18-25; Gal 4: 4) e pienamente Dio (Is 9: 5; Gv 5:18; Col 2:8,9). In terra ha manifestato l’amore, la sapienza e la potenza di Dio. Poi Egli è morto per salvarci dai nostri peccati (1Cor 15:3) ed è risorto per riconciliarci con Dio (Rm4:24,25). Egli è così asceso a Dio, presso il quale intercede per noi (Eb 7:25). Infine ritornerà, per portare i credenti nella gloria (Gv 14:1-3) e completare il meraviglioso piano di Dio. Egli oggi è il Salvatore unico di quelli che L’accettano, poi sarà il giudice di coloro che Lo rifiutano.
 
6. LA SALVEZZA

E’ l’opera di liberazione che Dio anticipa, secondo l’Antico Testamento, operando a favore del popolo d’Israele (Es 14:26-31) e che oggi compie nei confronti d’ogni credente in Gesù Cristo (Gv 3:16,17). E’ prima di tutto salvezza dal peccato (Mt 1:21; Gv 1:29) e poi dalle sue conseguenze, in altre parole dalla condanna eterna, dalle malattie, dall’influenza nemica… Essa è fondata sul fatto che Cristo ha espiato le nostre colpe (Mt 20:28; 1Pt 1:18,19), dandoci il diritto di diventare figli di Dio e di ricevere lo Spirito Santo. Quando una persona ascolta l’Evangelo (Mc 16:15), si ravvede (At 3:19), crede in Cristo Salvatore (At 16: 30,31) e s’impegna ad ubbidire, la salvezza opera in essa la rigenerazione (2Cor 5:17), la giustificazione (Rm 3:21-26) e la santificazione (Eb 10:10,14). Chi ha creduto nel Sacrificio del Signore Gesù ha la certezza della salvezza (1Gv 5:13).
 
7. LO SPIRITO SANTO

E’ la terza Persona della Trinità, che viene ad abitare nella persona convertita e ne diventa la forza spirituale. Egli è eterno (Eb 9:14), come il Padre e il Figlio e perciò attivo fin dalla creazione (Gn 1:1-3), in molti personaggi dell’Antico Testamento (Nm.11:17,25) e nell’ispirare le Sacre Scritture (2Sam 23:1,2). In particolar modo ha unto Gesù Cristo, alla nascita (Mt 1: 20), al battesimo (Mt 3: 16), nel ministerio (At 10: 38), alla morte (Eb 9:14), alla risurrezione (Rm 8:11) e all’ascensione (At 2: 33).Egli è Dio (Mt 28:19; At 5:3,4; 2Cor 3:18), onnipotente (Lc 1:35), onnipresente (Sal 139:7-10) e onnisciente (1Cor 2:10,11). Ha una Sua individualità propria, con delle caratteristiche e delle attività personali (Gv 14:16,26; At13:2; 20:28; Rm 8:14, 26; 1Cor 12:11; Ap 2:7,11…). Oggi, Egli opera per testimoniare di Cristo (Gv 15:26), per convincere tutti (Gv 16:8-11) e per rigenerare chi crede (Gv 3:3-8); inoltre battezza (1Cor 12:12-14),riempie i credenti che si dispongono (At 1:5; 2: 4,38,39), santifica (2Ts 2:13; 1Pt 1: 2), distribuisce i Suoi doni (1Cor 12:1-12) e produce il Suo frutto (Gl 5:22).
 
8. LA CHIESA

Dal greco “ekklesia”, indica, non un locale di culto,ma “le persone chiamate fuori” di mezzo alle altre, per realizzare la volontà di Dio. Il termine può indicare l'assemblea cristiana locale (At 2:41-47) o la comunità universale dei credenti (Ef1:22,23). Essa è chiamata il corpo di Cristo (Rm 12:4,5), la sposa di Cristo (2Cor 11:2), la vigna di Dio (Mt 21:41; Gv 15:1-15), il tempio di Dio (Ef 2:20-22), il gregge di Dio (At 20:28). La Chiesa del Signore è composta da persone convertite all’Evangelo ed è stata istituita da Cristo stesso (Mt 16:18; 18:15-17), per testimoniare della sapienza e della verità di Dio (1Tm 3:14,15). La Chiesa ha dunque tre scopi: adorare Dio (Ef 3:20,21), edificare i credenti stessi (Ef 4:11-13) ed evangelizzare gli altri (Fil 2:14,15).
 
9. LA VITA CRISTIANA

E’ la vita che devono vivere tutti coloro che, illuminati dalla Parola di Dio, si ravvedono dai loro peccati e accettano e seguono Cristo come Salvatore e Signore. Tali persone meditano giornalmente la Bibbia per conoscere sempre meglio la verità e per essere incoraggiate e edificate nella fede, ma anche per vivere coerentemente alla volontà di Dio (Gv 14: 15,21,23): Amarsi gli uni gli altri (Gv 13:34,35), non a parole ma con i fatti (1Gv 3:16-19) Partecipare con impegno alle riunioni di culto (1Cor 14:26; Eb 10:24,25) Contribuire ai vari bisogni nell’opera di Dio (Rm12:13; Gc 2:14-17) Evangelizzare gli altri, individualmente e in collaborazione con la chiesa (Mc 5:19,20; 16:15,16) Santificarsi personalmente, anche in vista del ritorno di Cristo (Gv 8:10,11; 1Ts 3:11-13; 4:1-12).


10. IL FUTURO

in cosa crediamo 3Il futuro dei figli di Dio è centrato sul ritorno di Cristo (At 1:10,11; Gc 5: 7,8). Finora anche i credenti passano per la morte che è la separazione del corpo mortale (Gn 3:19; Ec 12:9; Gc 2:26), dall’anima e dallo spirito che sono immortali. Al ritorno di Cristo, però, i credenti già dipartiti risusciteranno per essere con Lui per sempre (1Ts 4:13-18), ma tutti gli altri, ancora in vita, saremo trasformati per avere un corpo nuovo (1Cor 15:35-55) e con i risorti saremo trasportati nella perfezione e nella gloria di Dio. Per quelli che, invece, non accettano l’Evangelo, ci sarà la grande tribolazione, quando Dio manderà tremendi giudizi qui sulla terra (Ap 6-19). Quelli che scamperanno avranno un millennio di pace e di giustizia sotto il regno di Cristo sulla terra. Alla fine avverrà la risurrezione dei morti di tutti i tempi e luoghi per il giudizio universale (Ap 20), dopo di che ci saranno nuovi cieli e nuova terra (2Pt 3:13; Ap 21,22). Tanti altri eventi e particolari caratterizzano il futuro dell’umanità e si possono conoscere e capire studiando con umiltà e con perseveranza le Scritture. Ai credenti fedeli, però, è promesso con certezza di: Scampare a tutti i giudizi che ci saranno (Lc 21:34-36) Vedere il Signore nella gloria (Gv 17:24; 1Gv 3:1-3) Realizzare tutte le benedizioni possibili per l’eternità (Ap 7:9-17; 21-22:5).

Pubblicato il Set 10, 2019

Una strega dei nostri tempi racconta la sua conversione a Cristo. 

doreen irvin 1Dopo una triste fanciullezza vissuta in estrema povertà, in tempo di guerra, Doreen volle cercare fortuna a Londra, dove col nome di Diana l'Audace si diede alla prostituzione, allo spogliarello, all'alcol e alla droga.
Venne a contatto col Satanismo tramite due ragazze del night dove lavorava e con loro conobbe il culto e i riti di adorazione a Satana.

Dal satanismo passò alla magia nera, fin quando divenne la "Regina" delle streghe nere.
Un giorno entrò in un teatro, ove si svolgeva una riunione evangelistica, con l'intenzione di interromperla: lì trovò invece Cristo vivente.
Ne seguì una lunga e violenta lotta per la sua completa liberazione dai demoni, che per anni avevano posseduto e torturato il suo corpo.

Doreen Irvine racconta il momento in cui sperimentò l'amore di Cristo:

Guardando al passato, comprendo che Gesù mi aveva seguita col suo tenero sguardo per tutti gli anni della mia vita vergognosa; mi aveva visto quando battevo i marciapiedi, come prostituta; mi aveva visto nei templi di Satana e nelle congreghe di magia nera.
Anche allora mi amava, anche nel mio peccato più grande; poi un giorno mi aveva chiamata ed accolta.
Il pensiero del suo amore per me mi riempiva di contrizione e di meraviglia, e ancora oggi è così.

A Betania (un Centro Cristiano) Gesù mi attirò a se; rimosse l'amarezza dal mio cuore, lavò tutte le mie ferite per mezzo del suo amore, cancellò gli orrori dalla mia mente e mi fece una nuova creatura. doreen irvin 2
Da allora ogni cosa era nuova; era come se fossi nata di nuovo nella carne e nello spirito.
L'intero mondo mi appariva meraviglioso ed io amavo tutti e tutto di questo grande e meraviglioso mondo che Dio ha creato, dal vecchio gatto rognoso sul cumulo di immondizia al fiore selvatico delle rocce.

Tutto era bello: camminando, attraverso i campi in fiore, nella foresta, il mio cuore cantava; danzavo per la gioia, per tutto quello che vedevo, per tutto quello che Gesù aveva fatto per me, che mi stava mostrando e che avrebbe fatto nel futuro; prima il cielo mi sembrava grigio, ora appariva come se qualcuno lo avesse lavato con acqua e sapone per renderlo più candido.
Guardavo il mondo con occhi nuovi.

Un giorno, mentre riposavo a Betania, sentii la reale presenza di Gesù in un modo ancora più grande; sentii che si avvicinava a me, poi udii la sua voce sussurrarmi: "Tu sei una vergine pura al mio cospetto; tu sei la mia moderna Maria Maddalena".
Papà Parker (uno dei responsabili del centro) si trovava per caso vicino a me e vide l'espressione del mio volto.
Egli pure sentiva che Gesù era vicinissimo.
Io non me n'ero accorta della vicinanza di papà Parker, avvertivo solo la presenza del Signore e ascoltavo le sue parole.
Papà mi riferì, in seguito, che mai aveva visto qualcosa del genere in vita sua; mi disse che il mio aspetto era raggiante.

Chi è Maria Maddalena? Gli chiesi, con le lacrime agli occhi.
Papà lesse nella Bibbia come Gesù aveva cacciato sette spiriti impuri da Maria Maddalena, che era stata, anche lei come me, una ragazza di strada, una prostituta, fino a quando Gesù non era entrato nella sua vita e non l'aveva cambiata totalmente. Piansi a lungo, pensando a quanto Maria dovette amare Gesù; egli le aveva perdonato molto, l'aveva liberata; e lui aveva detto che io ero la sua moderna Maria Maddalena.

Era meraviglioso, sublime; io ero stata come lei, una donna di strada, posseduta dai demoni e Gesù mi aveva liberato.
Gesù diveniva per me, ogni giorno più prezioso.
"Una vergine pura al mio cospetto", aveva detto Gesù.
Ero colma di gioia pensando che lui aveva parlato proprio con me: prostituta, strega, spogliarellista...
doreen irvin 3Aveva detto che ero una casta vergine al suo cospetto.
In altre parole, ero stata purificata e giustificata dal suo sangue.

Gesù continuò a benedirmi... e le sue benedizioni si rinnovavano ogni mattina.
Fui riempita con lo Spirito Santo, pregavo, amavo e desideravo servire il Signore; egli era ora il Signore della mia vita, il Signore di tutto.
Stetti in Betania per alcuni mesi.
Gesù mi stava preparando per il ministero che aveva in serbo per me, mi assicurava sempre che ormai ero una figlia di Dio, non più una figlia ed una schiava di Satana.

Una sera fu acceso un grande fuoco e tutti i miei vestiti neri vennero bruciati insieme alle sigarette, alla droga e ad altri amuleti.
Fu un'occasione allegra, una festa; Satana di certo tremò, ma gli angeli di Dio festeggiarono con noi.
Era una chiara ed estrema prova dell'opera che Gesù aveva fatto dentro di me, strappandomi dalle tenebre e portandomi alla piena luce del suo amore.
Così in Gesù trovai gioia, amore e pace.

Pubblicato il Set 10, 2019

Che cos'è la Bibbia?

la bibbia 1Il termine Bibbia è di derivazione greca, βιβλίον, e significa "libro". A differenza di qualunque altro libro la Bibbia è un testo unico nel suo genere perché il suo contenuto è infinito ed è capace di insegnare sempre qualcosa di nuovo. Inoltre è adatto a tutte le età e a tutte le epoche storiche!
I libri di cui è composta sono sessantasei: alcuni poetici come i Salmi e l'Ecclesiaste, altri profetici come Isaia e Apocalisse, altri ancora biografici come Matteo e Giovanni. Sono trattate le leggi come in Deuteronomio e in Levitico, sono presenti le epistole come Tito e Ebrei.

Gli autori sono circa quaranta e l'opera è stata completata nell'arco di 1500 anni circa. Gli autori appartengono alle varie classi sociali: compaiono dei re, dei dottori, dei pescatori, dei sacerdoti, contadini, ... Dalla diversità di uomini che hanno partecipato alla stesura del grande Libro emerge un'armonia dovuta all'ispirazione dello Spirito Santo che ha guidato la scrittura di ogni singola parola (vedi II Timoteo 3:16).

la bibbia 2La Bibbia è suddivisa in due grandi sezioni: l'Antico e il Nuovo Testamento. Il primo tratta della Creazione e della nazione di Israele. Dio originò una famiglia in questa nazione, quella di Davide, dalla cui discendenza sarebbe nato l'Uomo che avrebbe portato la benedizione (vedi Isaia 11).

Il nuovo testamento descrive la vita di questo Uomo, Gesù, che ha realizzato le profezie dell'Antico Testamento. Gesù non è soltanto una figura storica o un filosofo, come molti hanno voluto credere! Egli è il Dio che ha annichilito se stesso diventando uomo. La venuta di Gesù è un passo importante perché attraverso la Sua morte è possibile ottenere la salvezza. Quindi la morte di Cristo è ciò che ha permesso il nuovo patto con il mondo. Il messaggio che Gesù ha lasciato ai Suoi discepoli è quello di andare per tutto il mondo e predicare la buona novella della salvezza. Il Nuovo Testamento si conclude con il profetico ritorno di Gesù che rapisce la Sua Sposa, la chiesa, che giudica il mondo e lo libera dal male e crea nuovi cieli e nuova terra.
 
Qual è il modo migliore per accostarsi alla lettura della Bibbia:

La domanda potrebbe apparire banale, ma in realtà è di fondamentale importanza. Molti infatti si rivolgono alla Bibbia come se dovessero leggere un romanzo, dimenticandosi che essa non è un semplice libro, ma “il libro” per eccellenza. Occorre quindi avvicinarsi alla Bibbia con una attitudine di fede, allora essa rivelerà quanto non conosciamo, ci eleverà, ci allontanerà dai dubbi più atroci, ci aiuterà a comprendere meglio noi stessi e il prossimo, ci aprirà nuovi orizzonti e ci farà vivere una vita migliore.

la bibbia 4Chi legge la Bibbia con una giusta attitudine scoprirà che non potrà farne più a meno, perché essa diventa “il pane della vita”.

Perciò occorre:

  1. a) Procurarsi una Bibbia scritta a caratteri grandi per una facile lettura, e in un linguaggio moderno. Molti infatti, nell’avvicinarsi alla lettura della Bibbia, riscontrano il problema di dover leggere da dei grossi volumi, pesanti, pieni di immagini e scritti con parole arcaiche. Non tutte le Bibbia sono così: esistono versioni “maneggevoli”, accurate e aggiornate al linguaggio contemporaneo;

    b) Stabilire un periodo ben definito di ogni giorno da dedicare alla lettura della Bibbia, da considerare come appuntamento quotidiano con Dio ed al quale non si può mancare;
     
    c) Leggere la Parola di Dio per il proprio sviluppo spirituale, ricordando che quanto si legge è il consiglio diretto ed immediato di Dio. In questo modo avremo la risposta ai problemi della nostra esistenza, anche i più intimi;
     
    d) Leggere con attenzione, chiedendosi: “Cosa vuole dirmi il Signore? Questo passo biblico cosa mi insegna?” Se saremo disposti ad imparare, Dio ci istruirà;
     
    e) Non leggere frettolosamente, cercando invece di immedesimarsi nell’evento biblico che si legge. Bisogna sempre ricordare che eventi e personaggi non sono miti né leggende o frutto della fantasia umana, per questo le esperienze bibliche sono una lezione sempre valida per ogni lettore.
     
    Da dove cominciare?

La Bibbia non deve essere letta come qualsiasi altro libro e cioè dal principio alla fine. La Bibbia è come una biblioteca, la biblioteca divina, nel quale si può cercare ciò che occorre. Il termine “Bibbia” significa letteralmente “i libri” ed infatti essa non è un libro, ma un insieme di 66 libri. A molti piacciono le biografie, e le Sacre Scritture ne sono piene. I personaggi descritti non sono mitizzati, ma presentati al naturale, per quello che erano, pregi e difetti. Ci sono storie avventurose come quelle di Mosè o Giuseppe, storie romantiche come quella di Ruth o Giacobbe. Se invece si amano le poesie, il libro più lungo della Bibbia, il libro dei Salmi, è tutto in poesia. Ancora, il libro dei Proverbi è una guida eccezionale per ogni aspetto ed attività della vita, e così via fino al Nuovo Testamento.
 
Rivolgersi al Nuovo Testamento:

la bibbia 3Oltre che in 66 libri, la Bibbia si suddivide in due grandi sezioni: l’Antico ed il Nuovo Testamento. Il secondo gruppo parte con la nascita di Gesù, ed è quindi consigliabile partire nella lettura della Bibbia proprio dal Nuovo Testamento perché narra di eventi più vicini a noi; anche perché, come abbiamo detto, non è necessario leggere la Bibbia dall’inizio. Il libro di Marco potrebbe essere uno dei più indicati per iniziare questa lettura. Egli chiama il suo libro “Evangelo” che significa “Buona Notizia”. L’intero libro potrebbe essere letto in breve tempo e fornisce un resoconto sintetico della vita terrena del Salvatore. I vangeli di Matteo e di Luca aggiungono molti altri dettagli ed affascinanti episodi a quelli già descritti da Marco; come la nascita di Gesù o le penetranti parole dell’incomparabile Sermone sulla montagna. Nessuno ha mai superato Gesù come narratore. In Luca troviamo scritti alcuni dei suoi più bei racconti (le parabole), che sono episodi di vita quotidiana che hanno una applicazione spirituale ed eterna. Tra le più belle (e più note) ricordiamo ad esempio quella del Figlio Prodigo e del Buon Samaritano. Nel Vangelo di Giovanni viene narrata nel dettaglio la passione e la resurrezione di Gesù; quest’ultimo evangelo potrebbe essere considerato il cardine del messaggio di Cristo all’umanità, che si riassume nel verso 16 del capitolo 3 “Poiché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unico Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia vita eterna”.  
 
La persone cercano costantemente risposte ai problemi ed agli interrogativi della vita. La Bibbia ha la risposta; Gesù Cristo è la risposta. Prendi anche tu l'impegno di leggere la Bibbia con la giusta attitudine, e scoprirai che Dio ha qualcosa da dire proprio a te.

(tratto da "A Domanda Risponde", F. Toppi, Ediz. ADI-Media)

Pubblicato il Set 10, 2019

ex satanista 1Un quotidiano nazionale ha pubblicato la testimonianza di una donna che confessa di aver fatto un culto in una setta satanica e mette in guardia dai pericoli di celebrare Halloween o notte delle streghe.

Il quotidiano "El Norte", riporta le dichiarazioni di Cristina Kneer Vidal, ex occultista, ex satanista e spiritista di origine americana che vive a Hermosillo, Sonora, che si dice molto preoccupata del fatto che ogni 31 ottobre decine di giovani e bambini vengono uccisi in tutto il Messico dalle sette sataniche.

Cristina Kneer Vidal ha chiesto alle famiglie di prendersi cura dei loro figli, nel paese vi sarebbero circa 1.500 "adoratori di Satana", che sono distribuiti principalmente in città come Guadalajara, Monterrey, Messico. Dice Cristina: "Non voglio spaventare nessuno, ognuno è libero di credere a quello che vuole, ma le mie parole devono essere prese in considerazione, almeno vi chiedo di ascoltarmi, ragionare e decidere ". Secondo la Kneer, "migliaia di persone hanno inconsapevolmente adottato una pratica satanica [Halloween] e quindi stanno propiziando la crescita del satanismo in Messico, soprattutto nelle grandi città come Guadalajara e Monterrey."

ex satanista 2Il quotidiano "El Norte" dice che Cristina Kneer ha trascorso molto tempo vicino al satanismo, ha incontrato il male e la cattiveria di molti satanisti con i quali viveva e dice: "Questi sono argomenti poco conosciuti, ho praticato la meditazione e ancora adesso me ne pento, sono arrivata a detestare Dio".

Secondo la Kneer il satanismo esiste in tutto il mondo e la sua pratica è antica quanto il culto a Dio. "Gli ambiziosi", ella nota, "hanno firmato un patto con il diavolo in cambio di ricchezza e di potere ed hanno offerto in cambio la loro anima". Dice Cristina Kneer: "'Essi pagano un prezzo terribile; non arriveranno mai ad avere la pace e inoltre sono puniti brutalmente anche dopo la loro morte" e avverte che "riconoscere un satanista è molto difficile perché sono politici, artisti, funzionari pubblici o commercianti che godono di prestigio" ma aggiunge "Ciò non significa che tutti i politici siano satanisti". La Kneer sostiene, inoltre, che in date come quella di Halloween [31 ottobre], i satanisti fanno la "messa nera" e spiega che "la Messa è officiare nel campo o in edifici chiusi fortemente protetti e iniziare con l'evocazione di Satana che spesso ex satanista 3non si presenta perché, a differenza di Dio, non può essere ovunque ". A metà della "messa", ella dice, sono macellati animali come gatti, cani, e quando la "messa" è molto importante, come Halloween, sono fatti sacrifici umani. Per la Kneer "preferibilmente vengono scelti i bambini perchè non hanno peccato e sono i preferiti da Dio; prima della macellazione sono violati a privati della loro purezza ". Secondo la Kneer, oltraggiare o ferire un bambino dà il potere di Satana al satanista ed è un modo per prendersi gioco di Dio.

Per la Kneer le celebrazioni sataniche, sono sempre tenuti in otto date diverse, anche se la più importante è la festa di Samhain o Halloween il 31 ottobre che celebra il nuovo anno satanico, spiega, "E' come il compleanno del Diavolo". "Le vittime", dice la Kneer, "sono state sacrificate, togliendo loro il cuore che viene consumato dai presenti, poi il corpo viene cremato e gettato in mare". Dice la Kneer, "Per i satanisti è molto facile sbarazzarsi dei corpi perché coloro che fanno la 'messa' nera sono molto importanti'.

ex satanista 6Si avverte che nella notte di Halloween molti satanisti nascondono nei dolci e nella frutta che regalano ai bambini: coltelli, droghe, veleno o chiodi. Attualmente, la Kneer e le altre donne che hanno partecipato a culti satanici hanno costituito un gruppo denominato SAL che mira a inviare ai satanisti un messaggio di speranza e la richiesta di non fare più danni. Dice la Kneer: "Ogni satanista che legge queste informazioni e desidera rifiutare o abbandonare satanismo può con l'aiuto di Dio, come abbiamo fatto, noi'.

IN DIRETTA

Ora in onda:
UNA PAROLA PER OGGI - UN DIAMANTE AL GIORNO - PIU' CHE VINCITORI
e dalle ore 18:40:
NOTIZIARIO LOCALE
logo black

Radio Evangelica di Foggia
Associazione RL - Radio Logos

Sede: via Taranto, 24 - 71121 Foggia
Impianti di trasmissione: via Trinitapoli Km 1,5
Tel: 0881709918 - cell. +39 3382510347

Indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Posta PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Informazioni

Cod.Fiscale: 94004460716;

Concessione ministeriale n. 902755;

Registro Operatori di Comunicazione n. 4037;

Testata Giornalistica n. 16/96 del 15/10/96;

Licenza SIAE: RR/FG/01;

Licenza SCF: 862/18;

Conto Corrente Postale n. 16588717 intestato a Radio Logos - Foggia

IBAN: IT67D0760115700000016588717

Please publish modules in offcanvas position.